Torna al corso

Corso di formazione per caregiver professionali di persone con demenza

0% Completo
0/0 Passi
  1. Modulo 1: Tipi di demenza e diversi approcci per i professionisti
    3 Argomento
    |
    1 Quiz
  2. Modulo 2: Caregivers di persone che vivono con demenza
    7 Argomento
    |
    1 Quiz
  3. Modulo 3: Terapia di stimolazione cognitiva (CST) per le persone con demenza
    9 Argomento
    |
    1 Quiz
  4. Modulo 4: Ambienti favorevoli alla demenza
    5 Argomento
    |
    1 Quiz
Avanzamento del Modulo
0% Completo

Scopo

Acquisire familiarità con i diversi principi CST che servono come strategie per soddisfare e soddisfare i bisogni psicologici delle persone con demenza, migliorare le loro relazioni con altre persone e mantenere le loro abilità sociali e cognitive al loro livello ottimale. Inoltre, sarà chiarito lo scopo dell’esistenza e l’utilità di 18 “principi chiave” che determinano il successo del programma CST.

Risultati di apprendimento

Dopo aver completato il modulo, lo farai:

  • Comprendere il ragionamento dei 18 principi chiave del CST,
  • Comprendi come applicare questi principi.

Introduzione

Ci sono 18 principi guida del CST che sono stati sviluppati dai pionieri del CST. Dovrebbero essere chiaramente compresi prima di passare alle sessioni e all’ulteriore pianificazione poiché devono essere incorporati in esse.

3.2.1 Riconoscere i principi guida di CST

Le capacità e l’esperienza dei facilitatori CST di gruppo o individuali (professionisti qualificati, terapisti e assistenti) sono della massima importanza per l’efficace svolgimento delle sessioni. Ci sono 18 “Principi chiave” che i facilitatori sono importanti per incorporare nelle sessioni, siano esse individuali o di gruppo. Questi dovrebbero essere chiari e compresi prima dell’elaborazione per le 14 sessioni e l’ulteriore pianificazione. Nella tabella 1, ogni principio è descritto e viene fornito un esempio applicato, per capire meglio come può essere implementato.

Table 1: Principi chiave di CST [1,2].

Principi chiave Descrizione/motivazionale Esempio applicato
1.    Stimolazione mentale Coinvolgere attivamente le menti delle persone. Quando vengono pianificate le sessioni, l’obiettivo è quello di proporre attività in modo che le persone debbano fare uno sforzo ma non troppo (se troppo alte, possono potenzialmente sentirsi debilitate). Chiedere alle persone di calcolare il loro

segnare nella sessione “giochi fisici” aggiungendo numeri.

2.    Sviluppa nuove idee, pensieri e associazioni Spesso parliamo con persone con demenza di cose del loro passato. Anche se questo può essere divertente, spesso implica il richiamo di informazioni che sono state sopravvalutate.

CST mira a incoraggiare continuamente nuove idee, pensieri e associazioni attraverso la creazione di nuovi collegamenti semantici con il materiale.

Chiedere alle persone di pensare a somiglianze e differenze quando vengono mostrate loro due o più facce nella sessione “facce” (“Cosa hanno in comune? Chi preferiresti essere?).
3.    Usa l’orientamento in modo sensibile L’orientamento deve essere fatto in modo sottile e implicito all’inizio di ogni sessione.

Informazioni di orientamento come l’integrazione di tempo, luogo e

informazioni relative alla persona in discussioni e attività generali.

All’inizio di ogni sessione (“Come si chiama il gruppo?”, “Come si chiamano gli altri membri del gruppo?”, “Pensi che questo tempo sia normale per luglio, o fa più caldo/freddo del solito? ‘). Degustazione di frutta di stagione in estate (sessione ‘cibo’), giochi di parole natalizi (sessione ‘giochi di parole).
4.    Concentrati sui pignoni, piuttosto che sui fatti Chiedere sempre opinioni prima di informazioni fattuali. Le opinioni non possono essere sbagliate e sono più coinvolgenti da discutere. Chiedere opinioni su questioni politiche o di attualità all’interno della sessione “Attualità” (“Cosa ne pensi dei politici?”, “Chi è il primo ministro?”). Evita domande come “Chi può ricordare…’
5.    Usa la reminiscenza Usare i ricordi è un ottimo modo per attingere a un punto di forza che hanno molte persone con demenza, in termini di ricordi di esperienze. Assicurati di conoscere il background dei membri del gruppo per evitare di turbarli quando si parla di ricordi. Confrontando vecchie e nuove monete

o il costo degli articoli in

passato e presente nella sessione “usare denaro”.

6.    Fornire trigger per aiutare la memoria L’uso di una tavola RO e di segnali multisensoriali (immagini visive, suono, odore, gusto e tatto) sono modi utili per attivare i ricordi e favorire il richiamo. Tieni sempre qualcosa da guardare o da toccare perché aiuta la concentrazione. Utilizzare la comunicazione non verbale oltre a quella verbale; la tua espressione facciale, il tono di voce, la postura e il gesto. Fai la data e altro

informazioni di orientamento visibili durante la discussione (ad es. fare più copie dei materiali invece di passarli in giro).

7.     Continuità e coerenza tra le sessioni La memoria e l’apprendimento sono supportati da funzionalità che includono il mantenimento di sessioni nella stessa stanza con lo stesso facilitatore e l’uso di una sigla. Lascia che sia il gruppo a dettare il

routine, che può essere

qualcuno che aiuta con il

tè, un altro che guida la canzone, un altro che aiuta a prepararla. Le sessioni iniziali dovrebbero essere simili alle sessioni finali.

8.    Stimolare l’apprendimento e la comunicazione Compiti sottili che evitano di chiedere

domande dirette e mettere le persone “sotto i riflettori”, concentrandosi sui fatti; consentire un apprendimento più implicito. Percepisci i gruppi più come “gruppi di attività divertenti.

 

Le persone possono imparare cose nuove nella sessione di “attualità”, ma la natura informale della discussione non attira l’attenzione esplicita su questo.
9.    Stimolare il linguaggio e la discussione Le abilità linguistiche sono stimolate

attraverso compiti inclusa la denominazione

persone e oggetti, costruzione di parole e associazione di parole.

Chiedere alle persone di descrivere una parola senza usarla effettivamente nella sessione di “giochi di parole”.
10.Stimolare la capacità di pianificazione quotidiana Le capacità di funzionamento esecutivo, che coinvolgono in particolare la pianificazione e l’organizzazione, sono spesso compromesse nella demenza. il mentale l’organizzazione si esercita attraverso la discussione di somiglianze e differenze. La sessione di “categorizzazione degli oggetti” utilizza il funzionamento esecutivo attraverso l’organizzazione mentale (fare una torta in “essere creativi”; selezionare il cibo per un pasto in “cibo”).
11.Utilizzare un approccio centrato sulla persona Durante CST, le persone dovrebbero essere

valutati e trattati come individui (ad esempio attraverso la considerazione della loro storia, personalità e meccanismi di coping) e dotati di un ambiente sociale positivo e di supporto in cui la persona con demenza può sperimentare un relativo benessere.

Fare sempre le attività

interessante e rilevante per quelli del gruppo.

12. Rispetto Le opinioni delle persone dovrebbero essere valutate,

riconoscere la diversità di opinioni. Evita di fare qualsiasi cosa per esporre le difficoltà delle persone nel gruppo e conoscere ciò che è importante per ogni persona. Il rispetto dovrebbe essere dimostrato con te stesso e con i membri del gruppo, nonché tra di loro.

Incoraggiare le persone ad esprimere una serie di punti di vista, che stimolano discussioni interessanti.
13.Coinvolgimento Le sessioni dovrebbero coinvolgere tutti, dando a ciascuno l’opportunità di contribuire e facendo leva sugli interessi di ciascuno. Se durante il gruppo ti ritrovi a fare la maggior parte del discorso, o a parlare “al” gruppo – STOP. Spiega al gruppo quale sarà la prossima sessione e lascia che ti guidino verso la preparazione di materiali che coinvolgano tutti.
14.Inclusione Tutti dovrebbero essere inclusi,

a volte significa che più tranquillo

le persone richiedono un supporto aggiuntivo.

Senza mettere le persone sul

posto, chiedi regolarmente se tutti ha avuto la possibilità di esprimere la propria opinione.

15.Offerta scelta di attività La scelta dovrebbe essere offerta all’interno di attività, orientate ai livelli di abilità o interessi del gruppo. Le attività sono state organizzate in base a quanto sono impegnative per la memoria della persona e altre abilità cognitive e ordinate di conseguenza. Consenti alle persone di scegliere la propria attività nella sessione “Essere creativi”. Seleziona un nome per il gruppo, scegli i brani, ecc.
16.Divertimento I gruppi dovrebbero fornire a

un’atmosfera di apprendimento divertente e piacevole. Evita di usare attrezzature infantili.

 

Aggiungi un elemento competitivo ai giochi (nella sessione “giochi di squadra/quiz”). Se i membri fanno commenti sulla “scuola”, chiedi loro cosa gli è piaciuto e cosa non gli è piaciuto della scuola e rifletti se i dirigenti stanno assumendo il ruolo di “insegnante” troppo volentieri.
17.Massimizza il potenziale Le persone con demenza spesso non raggiungono il loro pieno potenziale a causa della mancanza di stimoli o opportunità. Al contrario, le sessioni dovrebbero massimizzare il potenziale. Dai tempo alla persona. Fare attenzione a non sovraccaricarli di informazioni e fornire suggerimenti sufficienti per consentire alla persona di svolgere l’attività da sola. Le persone con demenza hanno maggiori probabilità di raggiungere il loro massimo potenziale impegnandosi attivamente nelle attività piuttosto che sedendosi passivamente. Offri un compito che sia sufficientemente

impegnativo, senza fare

le persone si sentono come se avessero fallito.

Ad esempio, aggiungi i prezzi a

il compito nella sessione “cibo”, se appropriato.

18.Costruire/rafforzare le relazioni All’interno di un social solidale

ambiente, le sessioni dovrebbero rafforzare le relazioni tra i membri del gruppo e i facilitatori. Aiuta i membri a partecipare, divertiti.

Incoraggia i partecipanti a incontrarsi socialmente anche in un contesto diverso una volta che il gruppo finisce, ad esempio nello stesso locale per il pranzo.

Punti chiave:Sinossi

  • Ci sono 18 principi guida del CST, tra cui la stimolazione mentale, l’uso dell’orientamento, il linguaggio stimolante, il galoppo della persona, che sono essenziali e dovrebbero essere utilizzati in ogni programma CST.
  • Questi devono essere chiari e ben compresi prima di elaborare le 14 sessioni e l’ulteriore pianificazione.

Lista di referenze

  • Spector, A. (2019). Introduction. In: Yates, A., YatesJ., Orrell M., et al (editors). Cognitive stimulation therapy for dementia: history, evolution, and internationalism. 1st edition. Oxford: Routledge.
  • Aguirre, E., Spector. A., Streater. A., Hoe, J., Woods, B, Orrell, M. (2011). Making a Difference 2. Hawker Publications: UK.

Ulteriori letture