Torna al corso

Corso di formazione per caregiver professionali di persone con demenza

0% Completo
0/0 Passi
  1. Modulo 1: Tipi di demenza e diversi approcci per i professionisti
    3 Argomento
    |
    1 Quiz
  2. Modulo 2: Caregivers di persone che vivono con demenza
    7 Argomento
    |
    1 Quiz
  3. Modulo 3: Terapia di stimolazione cognitiva (CST) per le persone con demenza
    9 Argomento
    |
    1 Quiz
  4. Modulo 4: Ambienti favorevoli alla demenza
    5 Argomento
    |
    1 Quiz
Avanzamento del Modulo
0% Completo

Scopo

Verranno brevemente descritti i tradizionali interventi non farmacologici o comportamentali per le persone con demenza e verrà ampiamente analizzata la Terapia di Stimolazione Cognitiva.

Risultati di apprendimento

Dopo aver completato il modulo, sarai in grado di:

  • Riconoscere le diverse terapie non farmacologiche disponibili, inclusa la CST,
  • Capire cos’è il CST.

Introduzione

La demenza è diventata uno dei problemi sanitari globali più impegnativi [1]. Gli interventi non farmacologici in combinazione con le farmacoterapie sono stati ampiamente utilizzati per la gestione della demenza. Più specificamente, gli interventi non farmacologici o comportamentali mirano a migliorare o almeno mantenere la funzione cognitiva dell’individuo, consentire alla persona di continuare a svolgere le normali attività della vita quotidiana e/o affrontare i sintomi comportamentali che spesso accompagnano il deterioramento della memoria (es. depressione, sonno, agitazione, aggressività, ecc) [2].

La terapia di stimolazione cognitiva (CST) è un intervento psicosociale che offre stimolazione mentale e attività divertenti alle persone con demenza.

3.1.1 Interventi non farmacologici per la demenza

Esistono molti interventi non farmacologici per aiutare le persone con demenza a migliorare la memoria e le capacità di pensiero e ad affrontare la perdita di memoria. Una delle terapie psicosociali è la terapia di stimolazione cognitiva (CST), che ha la migliore base di prove per migliorare alcuni dei sintomi cognitivi della demenza e anche per migliorare la qualità della vita. Tuttavia, prima dell’analisi estesa del CST, vale la pena fare una breve rassegna delle più note opzioni di trattamento non farmacologico per il deterioramento cognitivo.

  • Orientamento alla realtà (RO) è uno dei primi interventi non farmacologici che mirano a ridurre la confusione e i sintomi comportamentali nelle persone con demenza orientando l’individuo a tempo, luogo e informazioni relative alla persona. La RO può essere di tipo continuativo 24 ore su 24, in cui il personale orienta i pazienti alla realtà, o di tipo “aula scolastica”, in cui gruppi di anziani si incontrano regolarmente per svolgere attività di orientamento. Un punto focale di questa classe è spesso il “tabellone di orientamento alla realtà”, che in genere mostra informazioni come il giorno, la data, il tempo, il nome del prossimo pasto e il luogo, ecc. Gli argomenti specifici inclusi nel tabellone consistono nell’uso di denaro, giochi di parole , uso di mappe, categorizzazione di parole/oggetti, puzzle, informazioni attuali e volti famosi. La terapia si concentra sul ricordare ripetutamente ai pazienti informazioni specifiche utilizzando temi (come l’infanzia e il cibo) per creare continuità tra le diverse informazioni.
    Recensione: Ci sono alcune prove per la sua efficacia, ma questo intervento è usato raramente nella pratica al giorno d’oggi. Più specificamente, una revisione Cochrane ha rilevato che il RO era associato a miglioramenti significativi sia nella cognizione che nel comportamento, ma ha anche identificato la necessità di studi multicentrici ampi, ben progettati [3,4].
  • Terapia della reminiscenza suscita il ricordo di eventi, attività e ricordi passati attraverso l’uso di ausili tangibili come immagini, oggetti familiari del passato della persona, musica e film. Mentre ricordare i ricordi recenti (ad esempio quello che si è mangiato a cena) può rivelarsi difficile per le persone con demenza, i ricordi di lunga data di importanza personale possono rimanere facilmente accessibili. La terapia della reminiscenza funziona incoraggiando le persone a rivisitare momenti del loro passato.
    Recensione: Sebbene le critiche abbiano dimostrato che la terapia della reminiscenza può migliorare i risultati nella funzione cognitiva, nell’interazione, nella qualità della vita e nell’umore, i suoi effetti sono incoerenti, spesso di piccole dimensioni e differiscono notevolmente tra le impostazioni e le modalità [5,6].
  • Terapia di convalida è una forma di “terapia per comunicare con persone con diagnosi di malattia di Alzheimer e demenza correlata”. Focalizzata sul significato emotivo di ciò che le persone dicono o fanno, la terapia di convalida suggerisce che gli individui con demenza sperimentano confusione per evitare stress, noia, solitudine e spesso come fuga dalla realtà. Si è scoperto che la terapia di convalida allevia lo stress, promuove la contentezza e l’ascolto empatico e riduce i disturbi comportamentali. Questa terapia presta meno attenzione a ciò che è giusto o meno e più a convalidare i sentimenti e le emozioni della persona nel suo momento di confusione.
    Recensione: Mancano le prove [6,7].
  • Stimolazione multisensoriale, precedentemente noto come snoezelen, è un approccio che mira a stimolare tutti i sensi attraverso il suono, il tatto, il gusto, l’olfatto e le immagini visive. L’applicazione clinica di snoezelen è stata estesa dal campo della disabilità di apprendimento alla cura della demenza negli ultimi dieci anni. La logica del suo utilizzo sta nel fornire un ambiente sensoriale che ponga meno richieste alle capacità intellettuali ma capitalizzi sulle capacità sensomotorie residue delle persone con demenza. Una tipica stanza snoezelen è composta da musica rilassante, stimolazione visiva da fibre ottiche e lampade lava, aromaterapia, ecc.
    Recensione: Alcune evidenze dimostrano effetti immediati sull’umore durante le sedute, che però non si mantengono nel tempo. Troppa stimolazione può essere inutile o angosciante. Questo intervento può essere incorporato in altre tecniche [8,9].

3.1.2 Terapia di stimolazione cognitiva (CST) – Che cos’è?

Terapia di stimolazione cognitiva (CST) è un intervento breve, non farmacologico e basato sull’evidenza per le persone con demenza da lieve a moderata. CST è stato progettato nel Regno Unito dal Dr. Aimee Spector e da diversi esperti di demenza a seguito di un’ampia valutazione delle prove di ricerca. È stato progettato utilizzando il concetto teorico di Terapia di Orientamento alla Realtà, che attraverso le revisioni sistematiche è risultato avere i risultati più significativi e l’intervento meglio definito. Più precisamente, tra le terapie alternative disponibili, è generalmente accettato che la CST abbia la migliore base di prove per migliorare alcuni dei sintomi cognitivi della demenza e anche la qualità della vita della persona affetta da demenza.

Lo scopo del CST è migliorare la funzione cognitiva attraverso attività a tema, di solito svolte per diverse settimane in piccoli gruppi o individualmente, guidate da un professionista qualificato, un terapista o un accompagnatore. Ogni sessione copre un argomento diverso ed è progettata per migliorare le capacità mentali e stimolare abilità tra cui memoria, linguaggio e funzione esecutiva attraverso compiti come associazione di parole, categorizzazione e discussione di attualità.

CST è importante perché non solo stimola la mente, ma anche le sessioni di gruppo offrono l’opportunità di condividere esperienze e parlare con altre persone con demenza in un ambiente rilassato e di supporto. Far parte del gruppo aiuta i partecipanti a costruire la propria autostima, in modo che si sentano meglio con se stessi e più sicuri di partecipare a conversazioni e attività. CST è una pratica guidata basata su una serie di compiti standard progettati per riflettere particolari funzioni cognitive con una gamma di livelli di difficoltà per adattarsi al livello di abilità dell’individuo.

L’intervento è di solito condotto in un gruppo che comprende 14 sessioni di attività come attualità, associazioni di parole e categorizzazione di oggetti. Sono progettati per essere rilassati, divertenti e per creare opportunità per le persone di acquisire conoscenze, esprimere le proprie opinioni e lavorare con gli altri in un ambiente socievole. Più specificamente, l’intervento non mira a testare risposte fattuali ma a incoraggiare i partecipanti a esprimere le proprie opinioni e quindi a stimolarli e coinvolgerli attivamente in un ambiente di apprendimento ottimale con numerosi benefici sociali [12].

Sinossi

Punti chiave:

  • La CST è considerata la terapia non farmacologica con la più forte base di prove.
  • È stato scoperto che la CST aiuta la memoria e le capacità di pensiero (cognitive) delle persone con demenza da lieve a moderata.

Lista di referenze

  • World Health Organization. (2012). Dementia: A Public Health Priority.Geneva: WHO.
  • Landi D., Rossini P. M. (2010). Cerebral restorative plasticity from normal aging to brain disease: a “never-ending story.” Neurol. Neurosci. 28, 349–366.
  • Spector, A., Orrell, M., Davies, S., Woods, B. (2000). Reality orientation for dementia. Cochrane Database of Systematic Reviews, 4, CD001119. DOI: 1002/14651858.CD001119
  • Folsom, J.C. (1966). Reality Orientation for the elderly mental patient.Journal of Geriatric Psychiatry, 1, 291–307.
  • Laura O’ Philbin, Bob Woods, Emma M Farrell, Aimee E Spector & Martin Orrell(2018) Reminiscence therapy for dementia: an abridged Cochrane systematic review of the evidence from randomized controlled trials, Expert Review of Neurotherapeutics, 18:9, 715-727, DOI: 1080/14737175.2018.1509709
  • Breg-Weger, M., Stewart. B.D. (2017). Non-pharmacologic interventions for persons with dementia. Journal of the Missouri State Medical Association, 114(2), 116-119.
  • Neal, M., & Briggs, M. (2003). Validation therapy for dementia. Cochrane Database of Systematic Reviews3, CD001394.DOI: 1002/14651858.CD001394
  • Sanchez, A., Millan-Calenti, J., Lorenzo-Lopez, L. & Maseda, A. (2013). Multisensory Stimulation for people with dementia.Am J Alzheimers Dis Other Demen, 28(1):7-14.DOI: 1177/1533317512466693
  • Baker, R., Holloway, J., Holtkamp, et al (2003). Effects of multi-sensory stimulation for people with dementia. Blackwell Publishing.
  • Woods B, Aguirre E, Spector AE, et al. (2012). Cognitive stimulation to improve cognitive functioning in people with dementia. Cochrane Database of Systematic Reviews, 2, CD005562. DOI: 1002/14651858.CD005562.pub2
  • Spector, A. (2019). Introduction. In: Yates, A., YatesJ., Orrell M., et al (editors). Cognitive stimulation therapy for dementia: history, evolution, and internationalism. 1st edition. Oxford: Routledge.

Ulteriori letture